website statistics
Jump to content

About This Club

Verso Parigi 2024 passando per Pechino 2022
  1. What's new in this club
  2. settimana molto densa per gli sport invernali... Lisa Vittozzi un lampo nel buio più drammatico dell'inizio di stagione del Biathlon, ottimo secondo posto di Sieff sulla "sua" pista a Lillehammer nella combinata Nordica femminile e pessima figura (tanto per cambiare) nel Fondo (dopo il miracoloso podio di Pellegrino della settimana scorsa)... ma soprattutto, su tutto e tutti...Sofiaaaaaaaaa!!! debutto stagionale con vittoria per la fuoriclasse azzurra, anche se Suter e Hutter sono finite proprio in scia. non bene le altre azzurre, si salva solo Curtoni.
  3. aggiungo il clamoroso 3.posto di Federico Pellegrino in una gara "distance" di Fondo. sorpresa se ce n'è una. ieri ottimo secondo posto di Marta Bassino nello Sci Alpino. tra ieri e oggi, weekend da dimenticare per Paris nelle prove veloci: CdM di Discesa già compromessa, direi. per il resto, senza la Jutta, settimana insignificante per me...
  4. Si è concluso poco fa in Finlandia il weekend del salto con gli sci, dove Bresadola continua a macinare punti e prestazioni importanti. Nella gara di ieri l'azzurro, che in questa stagione ha fatto notevoli passi avanti sul piano tecnico, ha archiviato il suo miglior risultato in carriera in Coppa del Mondo con l'11esimo posto. Oggi, nonostante una prima serie non ottima, è riuscito comunque a piazzarsi 18esimo. Finalmente ci si diverte anche sui trampolini...
  5. Azzurri in difficoltà anche al maschile...sono sotto 3-1 al sesto end
  6. smentisco subito me stesso, ma penso sia opportuno dedicare 2 righe a Letizia Radaelli e Silvia Coluzzi, che tra ieri e oggi hanno riscritto la storia del Trampolino Elastico italiano, diventando una dopo l'altra campionesse del mondo juniores rispettivamente nella categoria 13/14 anni e 15/16 anni. e Silvia, ancora una volta, ha guadagnato un punteggio che sarebbe valso le posizioni immediatamente a rincalzo delle medaglie nel mondiale senior. forse abbiamo trovato davvero un gioiellino capace di rimpinguare il bottino azzurro alle prossime Olimpiadi (se non già Parigi 2024, sicuramente L.A. 2028 e seguenti). peccato solo che la disciplina sia un altro di quei maledetti non-sport che personalmente non riesco a seguire nemmeno sotto tortura (e quindi sarebbero medaglie "non godute" in ogni caso)... nonostante ciò, complimenti vivissimi alle ragazze e agli allenatori per quello che hanno raggiunto e speriamo per quello che arriverà in futuro.
  7. Purtroppo le azzurre hanno giocato male sin dall'inizio e sono sembrate solamente la copia sbiadita di ieri.. Sconfitta molto netta per 5-9 che relega l'Italia nella semifinalina per il bronzo.
  8. Scozia che infligge agli azzurri la prima sconfitta...e che poi ritroveremo pure in semifinale. nel frattempo, semifinale femminile tra e in parità (4-4) dopo 6 end.
  9. Ottime notizie dagli europei di curling, che ormai stanno entrando nella fase clou dell'evento. Nel torneo femminile le azzurre, dopo un inizio pessimo, si sono rese autrici di una autentica rimonta, conclusasi ieri con una strepitosa vittoria contro la Svizzera che è valsa in extremis la qualificazione alle semifinali. Appuntamento alle 12:00 di oggi per la semifinale per un rematch della sfida di ieri contro le elvetiche. Se le azzurre hanno zoppicato, l'Italcurling maschile sta letteralmente battendo ogni record ed è tuttora imbattuta. Un netto 8-0 che vale ovviamente la semifinale. Mentre sto scrivendo è in corso Italia - Scozia che vale il primo posto del girone
  10. un'altra settimana sportiva si è conclusa...e un altro mondiale è in archivio. è terminato la scorsa notte, infatti, il torneo iridato di Taekwondo, che, dopo una settimana di delusioni e figuracce oltre ogni più funerea previsione per i colori azzurri, ha almeno in parte risollevato sorti e morale della spedizione Italiana grazie al trionfo del già campione olimpico Vito Dell'Aquila nei -58kg maschili. praticamente eliminato a 2 secondi dalla fine dei quarti di finale contro un'impronunciabile Kazako, Vito ha sfoderato il più imprevisto e imprevedibili dei colpi di genio all'ultimissimo secondo, ristabilendo la parita nei round. da quel momento, qualcosa è cambiato e il nostro campione si è scatenato, risultando inavvicinabile tanto per il kazako nel round decisivo quanto per i successivi avversari in semifinale e finale. una nottata decisamente esaltante. altrettanto però non si può dire per gli altri rappresentanti tricolori, che, come scritto, hanno fornito prestazioni imbarazzanti, tanto che nessuno è andato oltre gli ottavi di finale (e per qualcuno quello era il primo incontro). questa debacle purtroppo avrà ripercussioni importanti sulle possibilità di qualificazione olimpica, ormai destinata ai soli Dell'Aquila e Alessio (comunque saldamente nelle parti altissime del ranking, nonostante la figuraccia di Guadalajara), che oltretutto impediranno a chiunque altro di avere una chance nel torneo continentale finale, visto che con 2 qualificati tramite ranking gli uomini avranno esaurito i posti diponibili. al femminile, per contro, ormai sono sfumate le possibilità di qualificazione via ranking e tutto si rimetterà al torneo continentale finale, per il quale si vedrà quali saranno le scelte dei tecnici a tempo debito. altro evento della settimana, gli europei di vela della classe ILCA6 donne (ex laser radial) e ILCA7 uomini (ex laser standard). al maschile Brando Chiavarini si è piazzato sorprendentemente sesto (ma lontano dal podio), al femminile, tanto per cambiare, si è assistito al solito peggioramento progressivo regata dopo regata e si è arrivati alla solita assenza dalle posizioni dignitose della classifica. ora gli sport estivi sono quasi in letargo (sport di squadra esclusi), fondamentalmente manca solo il mondiale di Sollevamento Pesi tra gli eventi più significativi... pertanto ci si leggerà di nuovo giusto in quell'occasione...ora, invece, full immersion nel mondiale di calcio (per molti)...o negli sport invernali / USA per me...
  11. Ieri sera sono iniziati i campionati europei di curling, con entrambe le nostre nazionali impegnati ovviamente nella divisione principale. Nel torneo femminile le azzurre hanno esordito con una pessima prestazione contro una modesta Germania. Tanti errori di costruzione, una Romei con percentuali imbarazzanti e una prestazione definitivamente non all'altezza ci hanno portato ad una sconfitta netta. Un vero peccato, sopratutto poiché i tornei pre-season erano stati molto incoraggianti. Tutt'altra storia nel torneo maschile, dove pochi minuti fa l'Italia ha chiuso 8-3 contro la Norvegia all'ottavo. Ottimo end, tante mani rubate sopratutto nella prima fase di gara, buon gioco in generale e un Joel sulle spine. Inizio incoraggiante.
  12. va a fare le interviste al TG1 e dirige (in mutande) la "torcida" negli spogliatoi... stamattina ho visto su twitter un video raccapricciante a tal proposito...
  13. Però mi sta bene che i vice disegnino la rimessa o lo schema, ma che il coach non parli praticamente mai, neanche quando il timeout è 'motivazionale', è una roba che non succede da nessuna parte, siamo al limite del 'cosa ci stai a fare di preciso'
  14. La prestazione di Alessio ai mondiali messicani di taekwondo penso sia entrata di diritto tra le maggiori delusioni del 2022. Già a Manchester, seppur arrivando in zona podio, non aveva esattamente brillato, mostrando un taekwondo arrendevole e dimostrando qualche problema di gestione mentale. Ieri c'è stato il tonfo finale, contro un mongolo onestamente sconosciuto e che ha uno stile di combattimento più da favelas brasiliana che da mat...
  15. il problema è che abbiamo Petrucci... comunque è normale che nei time-outs parlino gli assistenti...sono loro gli "specialisti" che curano schemi offensivi e difensivi...il coach ha più compiti di coordinamento e deve gestire tutta la parte emotiva/motivazionale e di "player management". p.s. oggi abbiamo giocato davvero in 5 contro 8 per tutta la partita...arbitraggio casalingo a dir poco...persino assurdo (e chiaramente in malafede) nella gestione dell'azione che ha portato all'espulsione di Mannion.
  16. non mi soffermo granchè sulle gare di ieri di Scherma (risultati buoni solo in parte, dal momento che la Spada maschile è arrivata solo quarta e la Sciabola maschile non è nemmeno entrata tra le prime 4), visto che risultati, classifiche e commenti sono disponibili nel thread dedicato. questa sera parliamo principalmente di 2 eventi: primo, la "missione compiuta" della Nazionale di Basket, che passando rocambolescamente sul campo della Georgia si è guadagnata la qualificazione matematica al prossimo Mondiale di Indonesia/Giappone/Filippine. è stato più travagliato di un parto...persino quando sembrava finita (+5 a 7 secondi dalla fine) siamo quasi riusciti a suicidarci...eppure, ancora una volta, gli Dei del Basket hanno avuto un occhio di riguardo e nonostante una squadra sgangheratissima andremo in Asia l'anno prossimo. secondo, la vergognosa prestazione di Giada Halwani e Simone Alessio ai mondiali di Taekwondo, iniziati proprio oggi. il nostro asso, in particolare, è apparso scarico, fuori condizione sia a livello mentale che fisico. Imperdonabile la sconfitta al primo turno contro uno sconosciuto Mongolo. altrettanto, la Halwani è stata surclassata da un'australiana che non avrebbe mai dovuto rappresentare un problema. come tornare indietro di 5 anni in un pomeriggio!
  17. Alla fine al Mondiale ci andiamo, grazie a una vittoria di 1 sulla Georgia. Non mi pronuncio sulla partita perché ho visto solo a tratti e di straforo al lavoro. Siccome sono riuscito a seguire gli ultimi quattro minuti allontanandomi con una scusa patetica per circostanze che qui non ci interessa approfondire, mi sento però di dire che nemmeno Andorra gestisce così male i finali punto a punto. Per fortuna questa volta abbiamo trovato una squadra che è riuscita a fare peggio di noi, morendo con la palla in mano. Poi, non vorrei rivangare una discussione annosa e probabilmente sterile (nel senso che non cambierà niente almeno per un altro anno), ma ho l'impressione che l'Italia sia allenata più da Casalone che da Pozzecco. Tutte le volte che guardavo e c'era un time out, parlava lui. Il che potrebbe anche essere un bene (lo dico da simpatizzante di Pozzecco a livello umano e suo grande estimatore come giocatore), ma sarebbe abbastanza assurdo visto che abbiamo fior di allenatori anche al di là dei soliti Messina e Scariolo.
  18. una volta tanto, la fortuna non ci ha girato le spalle proprio all'ultimo... e comunque questo weekend sportivo si caratterizza anche per i campionati Italiani assoluti invernali di Nuoto in vasca corta, le finali delle World Series di Nuoto in Acque Libere e, soprattutto, per l'inizio della stagione di Coppa del Mondo di Scherma. nel Nuoto, da segnalare il successo di Gregorio Paltrinieri, che vince gara e classifica finale delle WS in quel di Eilat. bene, ma non benissimo, la staffetta mista (con Acerenza e lo stesso super-Greg), solo terza dietro FRA e AUS. male, decisamente male le ragazze, con Taddeucci nona come miglior azzurra. ai campionati assoluti in vasca corta, risultati non memorabili, con pochi pass per i mondiali di specialità staccati dai nostri ragazzi (con molti big assenti o sotto carico perchè già selezionati per Melbourne). nonostante ciò, alcuni interessanti spunti si sono visti da parte di qualche giovane non così al centro delle aspettative. in particolare si segnalano Conte Bonin nei 100m Stile Libero (solo un'unghia dietro Miressi), Mancini nei 200m Rana (terzo tempo tricolore all-time) e Marchello negli 800m Stile Libero, vincitore della gara e omaggiato da parole particolarmente lusinghiere del CT Butini. al femminile, niente di particolare da segnalare, con la gara migliore che probabilmente è stata quella dei 200m Misti, dove in 3 sono andate sotto al tempo limite per i mondiali e dove il 2.07 della Cocconcelli può essere considerato "interessante". in generale, molti hanno fatto peggio persino del meeting Nico Sapio di Genova della settimana precedente...e questo non mi pare un buon risultato. e veniamo alla Scherma... risultati molto incoraggianti per gli azzurri in questo primo assaggio di CdM: 4 gare su 5 con almeno una medaglia e l'unica in cui siamo rimasti a secco (la Spada maschile) comunque con ben 3 ragazzi arrivati ai quarti di finale (persi tutti di misura). è arrivato un argento persino nella sciabola donne individuale, una vera mosca bianca per le nostre abitudini (anche se bisogna ammettere che quest'arma è quella che risulta più indebolita a livello globale dall'assenza forzata dello squadrone russo). eccezionale il successo pieno di Alberta Santuccio nella spada femminile. unica nota veramente stonata, la sconfitta prematura (al secondo turno) di Tommaso Marini nel fioretto maschile, sconfitta arrivata per altro per mano di un altro italiano, Guillaume Bianchi. a questo punto sale l'attesa per le gare a squadre di domani, dove anche una sola assenza dalle "top 4" sarà da considerarsi un risultato pessimo. infine, una nota di amarezza per la conclusione infausta della partita di Basket, qualificazioni mondiali, tra Italia e Spagna. nonostante l'atmosfera magica della Vitifrigo Arena strapiena di oltre 10,000 spettatori caldissimi, gli azzurri hanno ceduto al supplementare ai campioni d'Europa, cacciandosi in un mare di guai per il prosieguo delle qualificazioni. ora non possiamo più sbagliare le 2 difficilissime partite in Georgia (martedì) e in casa contro l'Ucraina, la nostra bestia nera (nella prossima "finestra"), dando per scontata una nuova sconfitta contro la Spagna in terra iberica nel match conclusivo delle qualificazioni mondiali.
  19. Questa è quasi da "non pensavo di vivere abbastanza a lungo"
  20. Che partita Ancora una impresa a Firenze, dove già cadde il Sud Africa. Che Italrugby!
  21. settimana che si conclude con luci e ombre per i colori azzurri. la stella più luminosa, anche se arriva in una disciplina che di sportivo ha solo l'agonismo che ci mettono i piloti, è la vittoria mondiale di Bagnaia su Ducati nella MotoGP. Pilota e moto Italiana insieme...non accadeva dai tempi di Agostini. venendo a sport più tradizionalmente al centro dell'interesse di questo forum, l'evento principale è stato ovviamente il mondiale di Ginnastica Artistica. e qui non c'è troppo da gioire, visto che, nonostante tutte le giustificazioni relative a infortuni, giudici prezzolati e sfortuna, non è arrivata neanche una misera medaglietta, con il quarto posto della squadra maschile che ancora grida vendetta. personalmente, spero che, una volta ottenuta la qualificazione di squadra a Parigi 2024, poi alle Olimpiadi al maschile si punti sui migliori "specialisti" per cercare soddisfazione (=medaglie) nelle finali agli attrezzi, le uniche in cui si potrebbe realisticamente raccattare qualcosa. discorso diverso per le ragazze, dove, al netto di infortuni da evitare, la gara a squadre rappresenta proprio l'occasione migliore, seguita probabilmente più dall'all-around che non dalle singole finali di specialità. altro sport molto attivo nel fine settimana, il Nuoto. tra CdM e meeting italiani si sono visti all'opera molti dei nostri migliori rappresentanti e il migliore è stato senz'altro Lorenzo Mora, che a Genova ha spazzolato la lista dei record nazionali del dorso in vasca corta, migliorando quelli dei 100m e dei 200m. personalmente, sono invece molto deluso dai mancati miglioramenti di Chiara Tarantino (che a genova non ha nemmeno gareggiato...malanni di stagione per lei? ), da cui mi aspetto un salto di qualità nettissimo dopo l'esplosione (relativa) degli europei di Roma della scorsa estate. infine, il Judo. si è disputato a Baku un nuovo torneo Grand Slam, con in palio tantissimi punti per il ranking olimpico. e le cose sono andate benino, anzi, bene per gli azzurri, che hanno portato a casa 5 medaglie, tra cui il trionfo di Alice Bellandi nei -78kg femminili, che ancora una volta ha facilmente disposto di tutte le avversarie, inclusa la stella francese Madeleine Malonga. ora le rimane da sfatare solamente il tabù delle rivali tedesche (di Anna Maria Wagner soprattutto), le uniche capaci fino ad oggi di metterla completamente fuori strada (e che le sono costate un risultato dignitoso ai mondiali). altre medaglie sono arrivate da Francesca Milani (argento nei -48kg, categoria in cui tra lei e Assunta Scutto rischiamo di avere problemi di abbondanza non da ridere...e personalmente ritengo che la napoletana abbia più chances di vincere l'oro olimpico, ma se Francesca continua così il posto non potrà che essere suo), Odette Giuffrida (bronzo nei -52kg...anche qui, perchè si "frena" il talento di Giulia Carnà? si è deciso di "proteggere la romana ad ogni costo nella corsa a Parigi 2024 nonostante sia chiaro che l'oro non è alla sua portata?), Christian Parlati (bronzo che è un oro buttato nel cesso nei -90kg) e Gennaro Pirelli (bronzo nei -100kg, cui il salto nella categoria superiore pare aver dato nuova linfa...che finalmente si sia trovato un ragazzo in grado di qualificarsi in questa categoria? sperèm! ). 2 parole anche su Manuel Lombardo, "solo" settimo a Baku...ma il ragazzo non si era seriamente infortunato a un legamento ai mondiali? e lo rimettiamo già in gara con sprezzo del pericolo? mi permetto di essere un po' perplesso sulla sua gestione...spero che non si stia sprecando uno dei più forti talenti che il judo azzurro abbia mai avuto. alla prossima...
  22. Pietro Sighel croce e delizia... L'azzurro riesce a portare a casa sui 500 metri il terzo posto nonostante partisse dall'ultima posizione. Si tratta nel secondo podio in carriera per Sighel nel massimo circuito , che però continua a dimostrarsi troppo aggressivo e forse sconsiderato nelle fasi di gara concitate e butta via un podio che sembrava già fatto nella staffetta maschile, tentando una azzardato sorpasso sul Kazakistan. Assolutamente positiva invece la prova della staffetta femminile, che riesce a portare a casa un magnifico podio nonostante l'assenza di Fontana e Valcellina. la squadra, giovanissima, aveva già fatto molto riuscendo a portarsi in finale ma è riuscito comunque ad agguantare un risultato assolutamente di prestigio e soprattutto che fan ben guardare al futuro.
  23. fine settimana senza troppi sussulti in chiave azzurra negli sport estivi. l'evento clou è sicuramente il mondiale di ginnastica artistica, che ha completato le qualificazioni femminili. bene la squadra italiana, che, nonostante un paio di assenze pesanti per infortunio, si conferma su alti livelli prestazionali (eccetto che sulla trave, dove però è stata un'ecatombe per tutte) e si guadagna l'accesso alla finale con ambizioni importanti. sul piano individuale, notizie meno entusiasmanti, con solo una finale di specialità (senza speranze di medaglie) e 2 presenze nella finale all-round (anche qui, più che altro in lotta per un piazzamento nelle prime 6/8 che non con reali chance di podio). da segnalare anche il mondiale di Vela, classe 470 misto (che farà il suo esordio olimpico a Parigi), che si è chiuso con un tutto sommato deludente 9. posto per la miglior coppia italiana (Marco Gradoni & Alessandra Dubbini), nonostante siano rimasti in lizza per il bronzo almeno fino alla medal race (dove, per la solita idiosincrasia delle barche azzurre, hanno sprecato tutto e sono sprofondati in classifica). sempre nella Vela, da sottolineare come finalmente Ruggero Tita e Caterina Banti abbiano ricevuto il più che meritato premio di migliori velisti al mondo dopo la stagione trionfale che hanno chiuso da imbattuti in ogni competizione, collezionando un altro oro mondiale e uno europeo. Era ora che se ne accorgessero anche quelli della stampa specialistica e della federazione internazionale! ultimo evento da esaminare, la CdM di Nuoto in Vasca Corta, che ha già messo in archivio 2 tappe (Berlino e Toronto), che hanno messo in evidenza la condizione già più che buona di diversi nuotatori, tra cui anche alcuni azzurri (Ceccon su tutti, meno convincente invece Razzetti). per chiudere, una brutta notizia: Sonny Colbrelli rinuncia ufficialmente alla propria carriera nel ciclismo professionistico, dopo aver constatato l'impossibilità di continuare a gareggiare con un defibrillatore sottocutaneo. peccato perdere così il nostro uomo migliore per le gare di un giorno.
  24. Chiusura di giornata con qualche sorriso più del previsto nello short track. Finale con rischio per la staffetta italiana maschile, che riesce comunque a battere l'Olanda nonostante una gara molto incostante.. domani si può ambire al podio, complice la presenza del Kazakistan che è sembrato tutto fuorché imbattibile. Buone notizie, a mio avviso anche abbastanza clamorosamente, anche dal settore femminile dove le azzurre riescono a qualificarsi in finale ben impressionando, battendo la Cina e il Giappone. Le azzurre, nonostante una squadra molto rimaneggiata, domani possono puntare al piazzamento sul podio, anche grazie all'assenza della Corea del Sud che è stata squalificata in semifinale.
  25. ritenta...e sarai più fortunato... cmq mi aspettavo peggio...Arianna Sighel mi pare in buona condizione e migliorata rispetto all'anno scorso... senza la Fontana, tutti i piazzamenti sono grasso che cola... al maschile mi pare che Pietro Sighel si confermi troppo "sprecone"...sulla carta secondo me è il più forte di tutti in tutte le distanze, ma non concretizza mai... sono invece deluso da Spechenhauser (da cui mi aspetto molto di più nei 1000m e 1500m), mentre mi ha ben impressionato Thomas Nadalini...per ora è ancora un po' acerbo e ovviamente deve fare esperienza nei contatti diretti in gara, ma gira già su tempi molto interessanti sia sui 500m che sui 1000m. vediamo cosa viene fuori nei prossimi mesi/anni.
  26. È iniziata ieri in Canada la prima tappa di short Track della stagione e si è conclusa poco fa la prima sessione di semifinali, con francamente molte ombre e qualche luce sorprendente. Pietro Sighel butta via due finali, una in mattinata con una caduta nella staffetta mista che ci lascia fuori dai giochi (tra l'alto semifinale molto banale, bastava battere il Belgio...) e una poco fa, dove forse rimane troppo coperto e si lascia sfuggire al photofinish la finale dei 1000... L'unica gioia di giornata viene da Arianna Sighel, capace di sfruttare l'occasione e di qualificarsi in finale grazie ad una semi molto agevole. Nonostante tutto, una finale tra le donne non era per nulla scontata. Dita incrociate per l'atto finale, magari con qualche caduta e un pó di fortuna, si può agguantare il piazzamento sul podio
  27.  

×
×
  • Create New...